Late For The Sky : Pasar Klewer’s review in Italy

A poco meno di un anno dall’uscita del suo primo disco per la label newyorchese riecco il pianista indonesiano Dwiki Dharmawan, alle prese con un progetto ancor più ambizioso, poliedrico e senza dubbio riuscito. Stavolta al banco di regia al fianco di Dharmawan troviamo nientemeno che il titolare della casa discografica Leonardo Pavkovic, solitamente produttore esecutivo, che qui ci mette del suo per garantire la riuscita di un disco davvero efficace; c’è poi il chitarrista britannico Mark Wingfield che oltre a suon are la sua sei corde elettrica si occupa anche del missaggio e del mastering dio questo doppio CD.

Rispetto al disco precedente, in cui spadroneggiava il Fender Rhodes del titolare, qui Dharmawan preferisce cimentarsi col piano acustico, assemblando una decina di brani tutti piuttosto lunghi in cui inserisce anche molti elementi della musica tradizionale del suo paese, ampiamente esplorata dal catalogo Moonjune grazie alle produzioni di altri connazionali del pianista: ecco quindi fare capolino, tra la scioltezza del pianoforte e la sezione ritmica, strumenti della tradizione e temi tradizionali appositamente riarrangiati da Dwiki.

Ma la genialità di Pavkovic in sede di produzione emerge dalla scelta dei comprimari, tutti abitué della sua casa discografica ma mai usati per altre produzioni con artisti indonesiani accasati presso la Moonjune: così oltre al citato Wingfield, troviamo la sezione ritmica che lo accompagna solitamente, il bassista Yaron Stavi ed il batterista Asaf Sirklis, entrambi israeliani, come il clarinettista Gilad Atzmon, presente anch’egli nelle registrazioni, che si sono tenute a Londra nell’estate del 2015. A far sembrare il gruppo come una sorta di Moonjune Records Allstar Band troviamo poi il chitarrista Nicholas Meier e il cantante Boris Savoldelli. In definitiva un dispiegamento di forze che non poteva di certo fallire l’obiettivo. Il progetto è senza dubbio ambizioso, ma alla fine i risultati ci sono, eccome: dopo la lunga composizione che titola il disco con il piano ovviamente in evidenza e la bella chitarra di Wingfield, troviamo Spirit Of Peace in cui gli elementi etnici si sposano con le acrobazie della sezione ritmica e col clarinetto di Atzmon che inserisce atmosfere proprie della cultura musicale ebraica mitteleuropea a lui familiare. Caposaldo del primo dischetto è probabilmente la versione di Forest, un brano che porta la firma di Robert Wyatt, uno dei grandi amori musicali, forse il più grande, di Pavkovic, che da bravo produttore lo affida all’ispirazione di Dharmawan e alle corde vocali dell’ineguagliabile Boris che ne offre un a versione jazz-blues impeccabile con una bella chitarra elettrica di Wingfield. E lo zampino di Wyatt fa capolino anche nella breve improvvisazione di London In June, che si sviluppa proprio prendendo il la dal tema del brano di Wyatt a cui la label deve il proprio nome.

Sul secondo disco Dharmawan – non dimentichiamo che il titolare è sempre lui – rilegge Lir Ilir, un brano tradizionale e una composizione di Benny Corda intitolata Bubuy Bulan, particolarmente riuscita è la sua composizione originale Frog Dance, con la chitarra acustica di Meier, mentre Life Its Self, composta dal batterista è decisamente molto free e permette a tutto il gruppo virtuosismi e acrobazie, con Wingfield e la sua sei corde decisamente a ruota libera. Gran finale con Purnama intensa e struggente ballata pianistica con di nuovo Meier all’acustica, che pur staccandosi dal contesto generale del progetto conferma la statura dell’autore e dei suoi comprimari conquistandosi la palma come uno dei brani più riusciti del disco. La chiusura è affidata ad una versione strumentale della Forest che avevamo trovato sul primo dischetto, non c’è la voce di Savoldelli qui, ma lo spessore dell’esecuzione rimane.

MORE

0 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.


  • 9vjqgm
    —Доброго вечера,Вам подготовили подарочек. Пройдите на официальном с (06/08/2022)
    The 3-d edition of the International Jazz Festival in Uzbekistan 2017
  • embvgr
    —Здравствуйте,На имя прислали приз. Примите в личном кабинете >>> https://forms.yand (06/08/2022)
    Indonesia Jazz Night pukau publik Belanda
  • […] l’album “So far so close”, sorti l’an dernier chez Moonjune Records, ce label américain édite un nouvel album de Dwiki […]
    —Musicinbelgium : DHARMAWAN, Dwiki – Pasar klewer | Dwiki Dharmawan (19/10/2016)
    Musicinbelgium.net : DHARMAWAN, Dwiki – So far so close
  • Maju Terus Musik Atjeh, Dengan Mengedepankan Asas Seuramoe Mekkah akan mengangkat Martabat Kande Dimata Dunia..Beusaban Pikee Nak Saban Seunang.
    —AtjehonLine.com (06/12/2011)
    Launch of KanDe Meukeondroe
  • Om Dwiki, konser Menembus Batas tahun ini ada???
    —Danuve (22/07/2010)
    KONSER MENEMBUS BATAS
  • where i can watch the videos... thanks before
    —indyastari (16/07/2010)
    World Peace Orchestra presents The Soul of Indonesia
  • Syabas buat Dwiki Dharmawan Orchestra..ianya adalah diantara konser yang terbaik yang pernah saya tonton walaupun hanya di kaca tv..Ada konser ini telah dirakamkan ke dalam bentuk cakera padat?Jika ada,saya ingin sekali memilikinya..
    —ida (25/09/2009)
    KONSER MENEMBUS BATAS
  • Setelah mendengar album ini, saya bangga sekali rasanya jadi Orang Indonesia. Betapa kekayaan budaya kita (yg dalam hal ini adalah musik daerah tradisional) begitu kaya dan indah, kali ini yang diangkat adalah musik daerah timur indonesia. Setelah diolah oleh orang-orang berbakat seperti Dwiki Dharmawan mampu menjadi sajian yang sangat berkelas, kolaborasi antara alat musik tradisional seperti sasando, dan keyboard yang dikemas dalam bentuk Orkestra menjadikan Album ini sangat layak untuk diapresiasi dengan nilai yang sangat tinggi. Terus Berkarya Musisi Indonesia, dan mari ikut serta Memvoting Taman Nasional Komodo masuk kedalam 7 Keajaiban Dunia yang baru.
    —Andian (15/08/2009)
    CD Dwiki Dharmawan – World Peace Orchestra now available
  • om gw ingin bli kasetnya tapi harus mesen ya, jauh bner kalau mesen,sayakan di palembang, pasti mahal harganya blum ongkos kirimnya,saya ingin bnget mempunyai c.dnya
    —roy (13/07/2009)
    CD Dwiki Dharmawan – World Peace Orchestra now available
  • anda bs memesan via WartaJazz.com, dan nanti akan di kirim via TIKI. silakan kontak sales@wartajazz.net atau telp ke 021-8310769
    —admin (07/07/2009)
    CD Dwiki Dharmawan – World Peace Orchestra now available
  • Saya tertarik dengan album WPO ini, apakah selain memesan juga bisa ditemukan di toko musik? Kalau iya, di toko mana ya?
    —Gomat (30/06/2009)
    CD Dwiki Dharmawan – World Peace Orchestra now available
  • Beautiful music, amazing talent of Dwiki and a great production...im very proud to play within this project as a special guest. Kamal M
    —Kamal Musallam (12/06/2009)
    CD Dwiki Dharmawan – World Peace Orchestra now available
  • HAloo Cross Culture Music sangat membuat kita gelisah Jalan teruuus Salam
    —dwiki (07/02/2009)
    “Ilir-ilir” Concert in Beijing
  • Salam kenal Mas, kami pernah juga mengkolaborasikan musik Sunda dan Tionghua, di link ini http://www.youtube.com/watch?v=TWWEm_xI27U mudah-mudahan suatu waktu kita dapat bekerja sama. Terima Kasih
    —Andry Harmony (04/01/2009)
    “Ilir-ilir” Concert in Beijing

Electronic Press Kit

Dwiki Dharmawan is among Indonesia’s most gifted and celebrated music personalities: a multi-genre keyboardist; skilled composer and producer, and; a conscientious peace activist, equally committed to ecological preservation.

EPK